Associazione Italiana Glicogenosi
    Ricerca
La notizia scientifica del mese
Articoli Anno 2015
2015 SETTEMBRE - L'ESERCIZIO AEROBICO E L'ALLENAMENTO MIGLIORANO LA FUNZIONE MUSCOLARE NELLA MALATTIA DI POMPE
Autori: L E. van den Berg, M. M. Favejee, S. A. Wens, M. Kruijshaar, S. E. Praet, A. J. Reuser, J. J. Bussmann, P. van Doorn and A van der Ploeg
 
Rivista:  Orphanet Journal of Rare Diseases
 
La malattia di Pompe o  glicogenosi tipo 2 (GSD 2) è una patologia da accumulo lisosomiale dovuta al deficit di alfa-1,4-glucosidasi acida, un enzima necessario per scomporre il glicogeno muscolare. Tale condizione è caratterizzata dal coinvolgimento variabile dei muscoli scheletrici e della respirazione.
 
Per il trattamento della malattia, oltre al trattamento sintomatico, è disponibile la terapia enzimatica sostitutiva (ERT) con alglucosidasi alfa che, nel marzo 2006, ha ottenuto dall'Unione Europea l'autorizzazione all'immissione in commercio come farmaco orfano per il trattamento dei pazienti affetti dalla malattia di Pompe.
 
Dopo l'introduzione della terapia pochi studi sono stati condotti sull’esercizio e l’allenamento fisico, uno studio olandese pubblicato recentemente sull’Orphanet Journal of Rare Diseases, ha investigato l'importanza e la possibile utilità dell'esercizio fisico nei pazienti adulti affetti da GSD 2, sottoposti a ERT. Per questo studio sono stati reclutati 25 pazienti presso il Centro per le Malattie Metaboliche e Lisosomiali dell’Erasmus University Medical Center di Rotterdam. Tali soggetti sono stati sottoposti ad un programma di allenamento presso centri sportivi con una frequenza di tre volte alla settimana per 12 settimane. L'obiettivo era determinare in ciascun paziente l'efficacia dell'allenamento nel migliorare la funzione muscolare. Questo dato è stato valutato monitorando alcuni parametri come la sicurezza, la forza muscolare e la resistenza, la stabilità di base, la capacità muscolare e la composizione corporea. Dei pazienti arruolati, 23 hanno completato con successo l’allenamento.
 
I miglioramenti nella resistenza, in seguito all’allenamento, sono stati mostrati da un aumento della capacità massima del carico di lavoro, della capacità massima di consumo di ossigeno, e dalla distanza massima percorsa a piedi nel test del cammino in 6 minuti. E' stato osservato, inoltre, un aumento della forza muscolare nei flessori dell’anca e negli adduttori della spalla. Ma non solo, l'esercizio ha prodotto dei miglioramenti secondari come l'aumento del numero di pazienti in grado di eseguire gli esercizi di stabilità di base e l’aumento del tempo di stabilità nel bilanciamento.
 
Questo studio ha dimostrato, dunque, che una combinazione di aerobica e allenamenti è efficace nel migliorare la resistenza, la forza, la funzione muscolare e la stabilità di base nei pazienti affetti da glicogenosi di tipo II. Tutto questo, inoltre, è fattibile e può essere eseguito in modo sicuro. Questo programma sembra quindi offrire un valore aggiunto, che può diventare complementare a quello dell’ERT.
 
 
Scarica articolo PDF
 
Inizio
2015 Dicembre - Coinvolgimento di muscolo scheletrico e cardiaco in pazienti di età pediatrica affetti da Glicogenosi tipo III
2015 Novembre - La Glicogenosi di tipo Ia ma non quella di tipo Ib è associata ad un aumentato rischio di Sindrome Metabolica
2015 Agosto - La progressione del danno renale nella Glicogenosi tipo I è associata all’iperlipidemia
2015 Luglio - La vitamina E migliora il profilo clinico dei pazienti affetti da Glicogenosi di tipo Ib
2015 Giugno - GSD Tipo II Lo studio LOPED
2015 Maggio - GSD Tipo III nuove scoperte sull' interessamento muscolare
2015 Aprile - GSD Tipo I studio pilota per amido
 
 
Home   -   Sostieni AIG   -   Scrivi ad AIG   -   Mappa del sito   -   Contatti AIG   -   AIG Voce Amica   -   Privacy
AIG-Associazione Italiana Glicogenosi ONLUS - Via Roma, 2/G 20090 Assago (MI)

designed by Mavilab.it